351 Annunci

Link sponsorizzati

Offerte in Collezionismo e Fai Da Te in Basilicata

  • Monete antiche

    Monete antiche

    Devo vendere delle monete antiche

    Sant'Arcangelo

    Oggi, 04:26

    Contatta l'utente

  • Mortaio antico

    Mortaio antico

    Vendo mortaio antico. Per eventuale foto e info non esitate a contattarmi.

    Melfi

    Ieri, 16:42

    199 €

  • Locomotive Trix, Roco, Rivarossi, ACME, Athearn - Modellismo

    Locomotive Trix, Roco, Rivarossi, ACME, Athearn - Modellismo

    Vendo materiale modellistico Americano ed Europeo in scala 1:87 - Locomotive diesel, a vapore ed elettriche Acme (come ad esempio la DB245), Rivarossi (come ad esempio la BR10.002), Trix (come ad esempio la S3/6 o GT 2x4/4), Liliput, Roco (come ad esempio la E655, D345, SBB460), oppure Fleischmann (come ad esempio l'ICE Experimental), Athearn Genesis (come ad esempio la potente Gas Turbina oppure la doppia di diesel U50 della Union Pacific), Kato e Broadway Limited. Inoltre vagoni merci e carrozze passeggeri vari. Articoli NUOVI con confezioni originali e aggiuntivi ancora da montare. Inoltre riviste varie: Mondo ferroviario, Tutto Treni, I treni oggi, collezione completa dal numero 1 al numero 65 di TTM Tutto Treno Modellismo (riviste nuove e mai sfogliate) e accessori vari. Per ulteriori info e liste del materiale, contattatemi pure.

    Potenza

    Ieri, 11:19

    Contatta l'utente

  • Sacchetto da regalo di Titti

    Sacchetto da regalo di Titti

    Sacchettino da regalo di tweety bbs made in china compreso il bigliettino... con codice a barre numero 8003990556146

    Potenza

    Ieri, 10:20

    Contatta l'utente

  • Resina Angelo

    Resina Angelo

    Importato Da Euroshop s.r.l. Modugno (bari) Made in P.R.C. resina angelo Ref. 63300064 codice a barre 6980654326364

    Potenza

    Ieri, 01:07

    100 €

  • Bottiglie di birra di vetro da collezione

    Bottiglie di birra di vetro da collezione

    Circa 300 pezzi di bottiglie di birra vuote di vetro da collezione vendo a prezzo trattabile Chiedere di Donato

    Potenza

    25 giugno, 17:40

    Contatta l'utente

  • Oliera in rame

    Oliera in rame

    Oliera in rame Eâ€(TM) uno degli accessori da cucina più utilizzati, quello che porta in tavola gli aromi e i sapori di una delle eccellenze dâ€(TM)italia: è lâ€(TM)oliera, protagonista dei pasti a base degli alimenti più semplici e genuini che ci siano. Composta da un corpo e da unâ€(TM)erogatore che calibra lâ€(TM)uscita del prodotto coltivato e lavorato con esperienza Il rame è un minerale che viene trasformato in metallo grazie a complessi processi di lavorazione. Dopo lâ€(TM)estrazione in miniera, i minerali vengono frantumati e macinati per ottenere una granulometria adatta agli stadi successivi. Attraverso le polveri emulsionate con liquidi appositi vengono poi inseriti in grandi vasche dalle quali si ottengono dei fanghi. In forno si completa lâ€(TM)opera raffinando il ricavato per ottenere la massima purezza del rame. Ecco che nascono accessori per la cucina e non, come lâ€(TM)oliera in rame. elemento la cui peculiarità risiede nella capacità di raccontare una storia fatta di riflessi, degli aromi nella cucina della nonna, del profumo delle castagne accanto al fuoco. finitura artigianale completamente manuale, evidente nella forgiatura, martellatura e cesellatura di ogni particolare, Le oliere, i contenitori per le spezie, le brocche, danno vita a pirotecnici incastri di corpi che giocano con i riflessi, confondendosi tra i sapori. Un dolce e funzionale decorare, perfetto per un'eleganza scintillante che parte dalla cucina, per avvolgere tutta la casa. Gli oggetti di rame costituivano un bene di lusso. Nell'antichità infatti i metalli erano in genere usati solo quando era indispensabile, altrimenti si preferivano materiali più economici, poiché i giacimenti noti erano pochi ed il processo di estrazione costoso. Ad esempio il vasellame ed il pentolame domestico della gente comune erano di terracotta, mentre solo in pochi potevano permettersi di possederne di rame o di altri metalli. I vasi, le pentole e tutti gli altri oggetti di rame diventarono perciò uno status simbol delle aristocrazie antiche. Esporre gli oggetti in rame è un modo per impreziosire lâ€(TM)ambiente, magari appendendoli alle pareti di casa, specie se di tratta di una casa di campagna dal tocco rustico. Peso 385gr Altezza 22cm Circonferenza 33cm Larghezza dal versatoio allâ€(TM)impugnatura 14cm Diametro apertura superiore 7,5cm Diametro base 11cm

    Melfi

    25 giugno, 15:07

    25 €

  • Specchio psiche basculante in ottone brunito stile liberty

    Specchio psiche basculante in ottone brunito stile liberty

    Specchio psiche basculante in ottone brunito stile liberty Peso 2203gr Altezza 51cm Larghezza 35,5cm Misure specchio: 28,5cm x 21,5cm Base triangolare riccamente intagliata e cesellata 19x20,5cm La storia degli specchi è vecchia quanto quella dellâ€(TM)umanità. Già la mitologia greca ci racconta il destino di Narciso, deceduto dopo essere caduto nellâ€(TM)acqua in quanto innamorato del proprio riflesso. Il primo specchio fu infatti concepito come una distesa di acqua liscia e i primi specchi non erano altro che semplici lastre di metallo lucidate, in bronzo o rame. Ammaliante, senza tempo e caratterizzato da una finezza stilistica più unica che rara, lo specchio ovale antico è un must have irrinunciabile per una camera da letto intrisa di charme principesco. Vezzo dâ€(TM)eccellenza per le novelle Marie Antoinette che amano circondarsi di capricci retrò, è la chiave di volta per riproporre nel proprio habitat le atmosfere barocche tipiche dei palazzi aristocratici. Ricco di intarsi e riccioli vittoriani, accontenta tutte le preferenze ed è senza dubbio il pezzo forte su cui puntare in una stanza o in una zona living dal gusto classico e distinto Gli specchi antichi sono oggetti di valore grazie ai quali l'arredamento di una casa può guadagnare prestigio ed eleganza. Unâ€(TM)immagine riflessa come sublime incanto quotidiano e dei riverberi di trasparenza che rompono la linearità delle forme con un tocco di brillante poesia. Una cornice preziosa, composta da riccioli dâ€(TM)oro, in cui si annidano in maniera visibile i segni di un tempo che trascina con sé un alone di mitico mistero.

    Melfi

    25 giugno, 14:56

    60 €

  • Teste di moro, vasi caltagirone con limoni

    Teste di moro, vasi caltagirone con limoni

    Teste di moro, vasi caltagirone con limoni Peso cadauno 6,1kg Altezza 35cm Diametro apertura 22,5cm Larghezza da un limone allâ€(TM)altro 34,5cm Circonferenza rilevata dal centro 64cm Circonferenza superiore 50cm Diametro base 18cm Firmati “Dolce” Passeggiando per le vie siciliane è possibile rimanere incantati dinanzi alle maestose teste di moro, in siciliano note anche come graste, che da secoli arricchiscono e colorano le balconate di questa magnifica terra. Figlie di una tradizione millenaria, queste prestigiose opere dâ€(TM)arte dalla raffinata manifattura artigianale, non nascono da una deliberata fantasia artistica, esse trovano tutte unâ€(TM)origine comune in unâ€(TM)antica leggenda: protagonisti di questa struggente vicenda un giovane Moro ed una bellissima fanciulla siciliana. Secondo la leggenda, intorno allâ€(TM)anno 1000, nel pieno della dominazione dei Mori in Sicilia, nel quartiere arabo di Palermo â€~â€(TM)Al Halisahâ€(TM)â€(TM) (che significa la pura e lâ€(TM)eletta) oggi chiamato Kalsa, una bellissima fanciulla viveva le sue giornate in una dolce quanto solitaria quiete, dedicando le sue attenzioni allâ€(TM)amabile cura delle piante del suo balcone. Dallâ€(TM)alto della sua balconata fiorita, ella venne un giorno notata da un giovane, un Moro. Sopraffatto da una violenta passione per essa, il giovane moro non esitò un attimo a dichiararle il suo amore. La giovane, colpita dalla promessa dâ€(TM)amore ricevuta, accolse e ricambiò con passione il sentimento dellâ€(TM)ardito corteggiatore. Eppure il giovane, che non si era fatto scrupolo alcuno nellâ€(TM)abbandonarsi alle più dolci profusioni amorose, in cuor suo celava un gravoso segreto, moglie e figli lo attendevano di fatti in Oriente, in quella terra nella quale egli doveva fare ora ritorno. La fanciulla distrutta nellâ€(TM)apprendere la notizia ed amareggiata per quellâ€(TM)amore tradito che si accingeva ora ad abbandonarla, fu colta da unâ€(TM)ira funesta che la spinse inesorabilmente ad imboccare la strada della vendetta. Ella meditò di cogliere il momento di maggiore vulnerabilità dellâ€(TM)uomo per ricambiare lâ€(TM)impietosa slealtà precedentemente subita. Così nella notte, mentre egli caduto in un sonno profondo e riposava ignaro della sua sorte, ella colse lâ€(TM)attimo propizio e lo colpì mortalmente. Il Moro che lâ€(TM)aveva amata e che si accingeva a partire, ora non lâ€(TM)avrebbe più abbandonata. Decise inoltre, che il volto di quel giovane, a lei eppur caro, sarebbe dovuto rimanere al suo fianco per sempre, perciò senza esitazione alcuna tagliò la testa del giovane creando con essa un oggetto simile ad un vaso e vi pose allâ€(TM)interno un germoglio di basilico. La scelta di piantarvi del basilico fu sancita dal fatto che, come ella ben sapeva, questa odorosa pianta dal greco â€~â€(TM)Basilikosâ€(TM)â€(TM), si accompagna da sempre ad unâ€(TM)aura di sacralità rappresentando difatti lâ€(TM)erba dei sovrani in tal modo, nonostante il terribile atto compiuto, ella perseguiva il dissennato amorevole fine di continuare a prendersi cura del suo adorato. Depose infine la testa sul suo balcone, dedicandosi ogni dì alla cura del basilico che essa cresceva. Ogni giorno le lacrime della giovane bagnavano la pianta regale, che prospera cresceva divenendo sempre più florida e rigogliosa. I vicini, pervasi dal profumo del basilico e guardando con invidia la pianta che vigorosamente maturava in quel particolare vaso a forma di Testa di Moro, si fecero realizzare dei vasi in terracotta che riproponevano le stesse fattezze di quello amorevolmente custodito dalla fanciulla. Oggi ogni testa di Moro che viene prodotto reca una corona, un elemento sempre presente volto a riproporre la regale pianta che originariamente impreziosiva la testa del giovane Moro protagonista della triste vicenda. Secondo unâ€(TM)altra versione della leggenda, la fanciulla siciliana sarebbe stata invece di nobili origini, e visse un amore clandestino con un giovane arabo, ma questo amore impossibile venne ben presto scoperto ed il disonorevole atto punito con la decapitazione di entrambi i giovani innamorati. La vergogna di questo amore sarebbe stata inoltre proclamata dellâ€(TM)affissione di entrambe le teste (tramutate per lâ€(TM)occasione in vasi) su di una balconata. Lo scempio, esaltato da queste teste poste alla merce dei passanti, sarebbe stato in tal modo un monito fattivo contro ogni altra possibile sconveniente passione. Per tale motivo le teste di Turco verrebbero realizzate in coppia, in ricordo ed in onore dei due innamorati assassinati. La leggenda spiega che lâ€(TM)origine delle preziose teste di Moro, anche dette Teste di Turco (in siciliano la parola â€~â€(TM)Turchiâ€(TM)â€(TM) è usata in genere per indicare le persone di colore, indipendentemente dalla regione di origine e venne usata per indicare le origini orientali del giovane Moro), ha nutrito negli anni la creatività degli artigiani palermitani diffondendosi in seguito tra le creazioni dei maestri artigiani del resto dellâ€(TM)isola le cui magistrali opere adornano oggi molte delle balconate siciliane. In particolare sono rinomate le teste di Moro di Caltagirone, luogo principe per la produzione di ceramiche di altissime qualità. Una produzione divenuta nei secoli fiore allâ€(TM)occhiello della città, anche per via del supo ricco passato di dominazioni greche, bizantine, arabe, genovesi e normanne, che hanno riportato (in particolare durante la presenza greca e araba) allo sviluppo della preziosa arte dei ceramisti siciliani. In seguito anche il mondo della moda (ne è un esempio Dolce & Gabbana), ha colto lâ€(TM)esenza artistica di queste creazioni uniche nel loro genere e strettamente connesse al terrtorio, in una commistione di arti, stili e atmosfere ed in un celebrativo omaggio ad una sicilianità antica, ricolma di una peculiare ed inespugnabile bellezza.

    Melfi

    25 giugno, 14:53

    650 €

  • Antico Lume fiorentino a 4 fiamme, lucerna in ottone

    Antico Lume fiorentino a 4 fiamme, lucerna in ottone

    Antico Lume fiorentino a 4 fiamme, lucerna in ottone Lampada da tavolo Stupendo lume lucerna fiorentina a 4 fiamme. Ideale in qualsiasi angolo della vostra casa. funziona con 4 lampadine La lucerna è una lampada ad olio ampiamente usata sin dall'antichità. La lampada consisteva in un contenitore dell'olio e in uno o più beccucci. L'uso della lampada ad olio è menzionato nell'Odissea di Omero (XIX, 34) ed il loro uso è confermato in Creta all'epoca della civiltà Micenea (resti di lucerne sono stati rinvenuti negli antichi palazzi di Cnosso e Haghia Triada a Creta). Successivamente la lampada ad olio fu usata da Fenici e Greci che diffusero il suo uso tra i Romani intorno al IV secolo a.c. Le lampade più antiche erano prive di coperchio e consistevano in un contenitore piatto con un beccuccio per lo stoppino sul bordo. Successivamente questa forma è stata sostituita con una più pratica con coperchio, in forma di scatola piatta e con un beccuccio sul bordo. Il coperchio proteggeva l'olio dalle impurità. In seguito furono aggiunti i manici, uno o più beccucci e fori di ventilazione. La lampada ad olio era usata posandola su di una superficie liscia o appesa ad una catena.. Solitamente venivano usati oli vegetali, ma in alcune zone, come la Sicilia e Babilonia, si usavano oli minerali. Gli stoppini erano ricavati da piante o fibre animali. Nel Medio Evo l'utilizzo della lampada ad olio cadde in disuso a causa del fumo prodotto dalla combustione. L'uso della lucerna ad olio ritornò nuovamente in auge verso la metà del XVI secolo quando Gerolamo Cardano inventò uno speciale serbatoio che regolava il flusso dell'olio allo stoppino. In seguito A. Argaud ne migliorò il funzionamento introducendo un bruciatore con due cilindri che riducevano il fumo e aumentavano la luminosità della fiamma. L'uso della lampada ad olio ebbe un ulteriore sviluppo intorno alla metà del XVIII secolo, limitatamente alla sola Italia, allorchè vennero prodotte lampade in argento usando un serbatoio applicato su un stelo sostenuto da una larga base. La produzione più vasta di questo tipo di lampade fu effettuata a Roma e negli Stati Pontifici. Quantitativi più limitati vennero prodotti a Napoli, Milano, Genova, Venezia e Firenze. All'inizio del XIX secolo il gusto neo-classico introdusse l'uso di lampade "figurate", con un serbatoio sostenuto da figure umane in abiti Egiziani, divinità Greche e Romane, e, più raramente, animali . La produzione di lampade ad olio decadde nuovamente alla fine dell'800 quando si potè disporre di più efficienti sistemi di illuminazione. Tuttavia una limitata produzione è sopravissuta anche nel XX secolo ma solo per scopi decorativi. Peso 1511gr Altezza 45cm Diametro apertura porta lampadina 1,8cm Diametro base 14cm Vecchio cablaggio elettrico

    Melfi

    25 giugno, 14:46

    50 €

  • Candelabro statua policroma in ceramica ad una fiamma

    Candelabro statua policroma in ceramica ad una fiamma

    Candelabro statua policroma in ceramica ad una luce Base in metallo riccamente scolpito con foglie Raffigura un galantuomo con abiti tipici settecenteschi adagiato su un tronco dâ€(TM)albero con una canestra di frutta, scultura estremamente realistica Trattasi di una bottiglia di liquore vintage da collezione Hand painted made in italy Riproduzione vietata cc. art 2598 Segno di eleganza e bellezza attraverso i secoli, le statue sono un complemento dâ€(TM)arredo di assoluto prestigio Per la realizzazione è stata eseguita una rigorosa cernita dei materiali per garantire pregio, qualità, eccellenza ed esclusività. Da notare la finezza dei dettagli. Oggetto di grande impatto per l'eleganza e teatralità Peso 1208gr Altezza 32cm Base 12x12cm Diametro apertura portacandela 2cm

    Melfi

    25 giugno, 14:24

    30 €

  • Ferro da stiro in ceramica decorato

    Ferro da stiro in ceramica decorato

    Ferro da stiro in ceramica decorato Peso 722gr Altezza 18,5cm Lunghezza 19,5cm Profondità 10cm Un ferro da stiro antico è unâ€(TM)idea preziosa per aggiungere un tocco vintage allâ€(TM) arredo Il ferro da stiro antico a braciere è il più voluminoso: la piastra era riscaldata da un recipiente riempito di carboni e tizzoni ardenti; il ferro da stiro a piastra invece veniva posato direttamente sul fuoco. La bellezza di entrambi sta nei particolari: il corpo, in ghisa, ferro o perfino bronzo, era spesso decorato e intarsiato con fantasie, arabeschi e ghirigori â€" è il caso dei preziosi ferri da stiro che appartenevano a nobili e aristocratici. Un ferro da stiro antico è spesso un portentoso esempio di metallurgia e artigianato, forgiato e decorato interamente a mano con design intricati e sempre unici. Il ferro da stiro è un oggetto a punta, internamente cavo e al suo interno veniva alloggiato il carbone incandescente. Questo veniva alimentato con ossigeno per continuare a bruciare attraverso un soffietto. Era più leggero di quelli di ghisa, arrivava a pesare, da vuoto, circa un chilo e mezzo, quindi più pratico e comodo. Il primo ferro da stiro di questo tipo fu prodotto da un industriale inglese, Isaac Wilkinson, pioniere dellâ€(TM)industria del ferro. Lâ€(TM)epoca di questo ferro è il 1920. Ebbe un discreto successo, era più maneggevole e stancava di meno la stiratrice.

    Melfi

    25 giugno, 14:16

    40 €

  • Posacenere in porcellana capodimonte

    Posacenere in porcellana capodimonte

    Posacenere in porcellana capodimonte squisita eleganza dellâ€(TM)impaginato, sottolineature in oro zecchino, finezza degli effetti pittorici, decorazioni policrome con amorini di uno splendido colore bianco e azzurro traslucido, grana finissima. Ne accresce la bellezza una vernice di copertura di straordinaria compattezza, che determina effetti di luce attenuata ed uniforme e toni cromatici delicatamente vellutati. Corredato da certificato di garanzia oltre che dallâ€(TM)inconfondibile marchio smaltato alla base. impreziosito da festoni, ghirigori, decorazioni floreali, teste mitologiche e foglie d'acanto Peso 815gr Altezza 10cm Lunghezza 25cm Profondità 15cm Posacenere 14x10cm Portasigarette altezza 6cm, profondità 5cm, lunghezza 10,5cm Le porcellane di Capodimonte vedono la luce per merito di unâ€(TM)illuminata iniziativa di Carlo III di Borbone (si adoperò per dotare la città di opere monumentali come il Teatro S. Carlo, la villa di Capodimonte, lâ€(TM)Albergo dei Poveri, amplioâ€(TM) la reggia, istitituiâ€(TM) lâ€(TM) Accademia Ercolanese, la Biblioteca Nazionale, il Museo Archeologico e diede inizio agli scavi a Pompei ed Ercolano) il quale, sposando nel 1738 Maria Amalia Valpurga, nipote di Augusto il Forte, creatore della celebra fabbrica di porcellana di Meissen, matura lâ€(TM)idea di aprire nella capitale del suo regno un laboratorio per la produzione di manufatti di porcellana. Ciò significava collocarsi a fianco di alcune tra le più prestigiose Corti europee che fino ad allora erano in possesso di una propria manifattura di porcellane. Lâ€(TM)edificio della fabbrica di porcellana è progettato e compiuto nel 1743 con lâ€(TM)intento di creare a Napoli lâ€(TM)equivalente della manifattura di Meissen, di cui alcuni pezzi arricchivano il corredo della consorte. Le terre più adatte allâ€(TM)impasto in porcellana provenienti dalla Calabria, da Fuscaldo e Porghelia, diedero ottimi risultati così che questa porcellana in pasta tenera risultò superiore a quelle utilizzate nelle più celebri manifatture francesi.

    Melfi

    25 giugno, 14:12

    40 €

  • Candelabro statua policroma in ceramica ad una luce

    Candelabro statua policroma in ceramica ad una luce

    Candelabro statua policroma in ceramica ad una luce Raffigura un soggetto maschile adagiato sulle onde il quale sorregge unâ€(TM)anfora da cui trabocca dellâ€(TM)uva da una parte, mentre dallâ€(TM)altra erge un fascio, base flessuosa a volute al cui centro si staglia la figura di un puttino al si sotto del quale si nota una conchiglia, ottimo senso cromatico, finezza degli effetti pittorici, delle scanalature ed intagli Trattasi di una bottiglia di liquore vintage da collezione Segno di eleganza e bellezza attraverso i secoli, le statue sono un complemento dâ€(TM)arredo di assoluto prestigio Per la realizzazione è stata eseguita una rigorosa cernita dei materiali per garantire pregio, qualità, eccellenza ed esclusività. Oggetto di grande impatto per l'eleganza e teatralità Peso 897gr h.33cm diametro apertura portacandela 2cm base 14x7,5cm

    Melfi

    25 giugno, 14:07

    30 €

  • Cerco: Tazzine da caffè

    Cerco: Tazzine da caffè

    Tazzine da caffè in foto cerco possibilmente nuove ma anke usate perché no... con piattino ovviamente...

    Potenza

    25 giugno, 13:42

    Contatta l'utente

  • Antico lume a petrolio Luigi XV elettrificato

    Antico lume a petrolio Luigi XV elettrificato

    Antico lume a petrolio Luigi XV elettrificato coppa in vetro 800 liberty satinato, smerlettato e sabbiato peso 2052gr altezza 49cm altezza lume 33cm circonferenza 36cm diametro base 17,5cm cannula: peso 127gr, altezza 22cm, diametro superiore 2,5cm, diametro inferiore 4,5cm coppa: 776gr, altezza 23,5cm, circonferenza 49cm, diametro superiore 8,5cm, diametro inferiore 6,8cm Combinazione di abile manifattura e qualità di esecuzione espressione dei fasti e degli splendori degli arredi storici ideale per illuminare ed arredare con charme i vostri ambienti elegante e ricercato, i suggestivi giochi di luci e ombre donano un effetto trasognato, estatico ammaliante alto valore antiquariale, articolo di pregio per arte e fattezza Quando la bellezza e la maestosità nelle lavorazioni superano la parola stessa. al centro si staglia una tipica scena arcadica settecentesca di galanteria e neoclassicismo. Decorazione eseguita in serigrafia manuale con finitura lucida e satinata Decisamente bon ton, racchiude uno sfondo metafisico che presuppone segrete affinità , il punto d'incontro tra il tempo e l'eternità. Il lume a petrolio comparve per la prima volta all'esposizione di Parigi del 1867. Non più olio o trementina per alimentare i lumi, ma petrolio "americano", così chiamato perchè proveniva dagli USA dove nel 1859 era entrato in funzione il primo pozzo petrolifero. Il lume transitava da una stanza all'altra a seconda delle esigenze della famiglia e quando lo si spostava bisognava stare attenti a non fare spegnere la fiammella che veniva regolata con lo stoppino nè troppo alto, né basso, per evitare fumo e cattivo odore. Nel momento in cui non c'era bisogno di molta luce si abbassava "u mecciu" per risparmiare petrolio. Durante la seconda guerra mondiale il lume ritornò ad essere protagonista a causa dell'oscuramento stabilito dalle autorità belliche. L'interruzione dell'energia elettrica veniva effettuata per non essere facili bersagli di eventuali attacchi aerei. Con l'arrivo della corrente elettrica non tutti i cittadini furono subito prepensi a cambiare stile di vita (non cambiò solo lo stile, ma il modo di vivere (e di lavorare) nel suo complesso). I motivi erano diversi: il costo per l'allaccio alla rete, il costo dell'energia, ma anche gli inevitabili ritardi per l'elettrificazione delle zone periferiche e delle campagne. Forti di tutte queste variabili, non pochi cittadini delle classi meno abbienti, ritardavano di molto a diventare utenti.base in metallo riccamente cesellato paralume sostenuto da cornicetta a palmette in metallo.

    Melfi

    25 giugno, 13:03

    90 €

  • Elegante fruttiera con coppe di champagne, alzatina

    Elegante fruttiera con coppe di champagne, alzatina

    Elegante fruttiera con coppe di champagne, alzatina centro tavola magia che inonda di una bellezza inaudita la casa quotidiana, grazie alla linea intramontabile di grandi classici che portano in casa lo sfarzo di grandi dimore storiche bicchieri di modulo allargato, emisferico, più ampio che alto e dunque poco profondo con eleganti bordature in oro zecchino La leggenda afferma che la figura del bicchiere a coppa da champagne sia stata modellata sul seno di Maria Antonietta, Giuseppina di Beauharnais e Madame de Pompadour. In realtà è stato progettato per lo champagne in Inghilterra nel 1663, precedendo quello degli aristocratici francesi quasi un secolo prima Lâ€(TM) oro mescolandosi con lâ€(TM)azzurro in un abbraccio di maestosa eleganza avvolge le stanze di un allure scintillante e conferisce ricercatezza, al centro della fruttiera troviamo un medaglione floreale L'oro è ricchezza e anche sfarzo. L'oro è un dettaglio che dona eleganza ad ambienti. L'oro è nobile, senza tempo. Lâ€(TM)azzurro e il blu sono i colori del cielo e del mare; nei sogni il blu è il colore del pensiero, dellâ€(TM)introspezione e della meditazione. Lâ€(TM) azzurro richiama idee di religiosità: azzurro è il velo della Madonna, e lâ€(TM)azzurro è presente in molte opere dâ€(TM)arte di carattere religioso (lâ€(TM)azzurro è il colore del Paradiso e del Cielo, dimora di Dio) e in molte espressioni (â€~Madre Celesteâ€(TM)).Lâ€(TM)azzurro chiaro riporta ad immagini di infanzia, delicatezza e innocenza; dà sensazioni di pulizia, freschezza, purezza, giovinezza. Lâ€(TM)azzurro è un colore immateriale; fa pensare allâ€(TM)inifinito, allâ€(TM)Aldilà, allâ€(TM)eternità. Il blu è in genere un colore collegato allâ€(TM)intelletto, ed è un colore maschile; ispira la calma, la contemplazione e la meditazione. Suggerisce pace, ispira valori eterni, spiritualità, fede, profondità. Il blu è un colore che spesso viene associato a stati dâ€(TM)animo di tristezza e malinconia (si pensi alla musica blues, o al â€~periodo bluâ€(TM) di Picasso). Esprime eternità e spiritualtà. Come sanno bene i pittori, il blu è il colore della distanza: più un oggetto è lontano, più appare di colore blu (le montagne lontane allâ€(TM)orizzonte sembrano sempre blu); ciò dipende dallâ€(TM)atmosfera. Coppa: peso 187gr cadauno, altezza 13,5cm, diametro 10cm. Diametro base 6,5cm Centro tavola: peso 2377gr, altezza 16,5cm, diametro 36cm, prof. Interna 5cm, diametro base 13cm, circonferenza fusto 20cm

    Melfi

    25 giugno, 12:58

    40 €

  • Maestoso ed antico servizio di coppe da champagne

    Maestoso ed antico servizio di coppe da champagne

    Maestoso ed antico servizio di coppe da champagne la moda della coppa champagne è iniziata nel '700 e, secondo una leggenda, questo bicchiere sarebbe stato modellato sui celebri seni di Madame de Pompadour, amante di Luigi XV, re dal 1715 al 1774. La passione di Madame de Pompadour per lo champagne era ben nota: sempre lieta di berlo, a quanto pare, sembra anche che rivelasse con orgoglio alle dame di corte, desiderose di conoscere il segreto della sua bellezza e del suo aspetto sempre fresco, che tutto dipendeva soltanto «dal vino capace di farti apparire al meglio la mattina dopo una festa scatenata». Esiste però un'altra leggenda secondo cui la coppa di champagne sarebbe stata modellata in porcellana alla fine del XVIII secolo sul seno della famosa regina Maria Antonietta, moglie di Luigi XVI. Altri miti fanno risalire l'origine della coppa all'Inghilterra, dove sarebbe stata disegnata senza un modello particolare, ma specificatamente per bere champagne. Col tempo ci si è resi conto che la coppa risulta un contenitore non idoneo per bere le bollicine perchè non permette di apprezzare al meglio profumi e perlage dello spumante/champagne. Per tale motivo, solo recentemente però, si è diffusa la moda della flûte (termine francese che letteralmente significa "flauto") che, al contrario della coppa, favorisce la risalita delle bolle e concentra in uno spazio ristretto tutti gli aromi liberati dal loro scoppio, prolungando così l'effervescenza dei vini frizzanti in generale. l rosso, colore potente e sensuale, ha un grande impatto visivo Chi decide di usare questo colore nellâ€(TM)arredare casa propria ha un carattere forte, sicuro ed è un amante della vita, sempre in cerca di intense sensazioni ed associato allâ€(TM)oro o superfici dorate il rosso conferisce allâ€(TM)ambiente un aspetto lussuoso e regale Peso cadauno 357gr Altezza 14cm Diametro apertura 6cm Diametro base 7,5cm Circonferenza 30cm

    Melfi

    25 giugno, 12:44

    80 €

  • Statua lampada nudo artistico h.66cm

    Statua lampada nudo artistico h.66cm

    Statua lampada nudo artistico h.66cm Classe e tradizionalità per un lume che diventa una scultura Raffigura un elogio allâ€(TM)amore, nella fattispecie un abbraccio passionale, trattasi di una statua in resina e metallo di forte impatto scenografico, teatrali gli effetti chiaroscurali, lâ€(TM)abito drappeggiato aderente ne sottolinea le curve e la femminilità, un ruolo decisamente seduttivo è assolto anche dallâ€(TM)effetto vedo non vedo, dalla lunga chioma mossa, dagli sguardi rilassati abbandonati, dettagli dalla consistenza impalpabile, scolpita ed intagliata con estrema finezza, ideale per illuminare ed arredare con charme i vostri ambienti, i suggestivi giochi di luci e ombre donano un effetto trasognato, estatico ammaliante, forme di raffinata bellezza che parlano all'anima d'amore e di incanto Peso 4,2kg Altezza 66cm Altezza base 8,5cm Base 18x14cm Altezza statua 35cm Spessore statua 14cm, spessore lume 18cm Larghezza statua 12cm Larghezza fonte illuminazione 28cm

    Melfi

    25 giugno, 12:35

    50 €

  • Forbice per lamiera

    Forbice per lamiera

    Cesoie per lamiera cm. 40 buona anche per arredo sono disponibile per inf. foto possibile spedizione

    Matera

    24 giugno, 11:02

    25 €

  • Quattroruote aprile 1975

    Quattroruote aprile 1975

    Vendo fascicolo di aprile del 1975 di Quattroruote (vendo anche altri doppioni) PREZZO RIBASSATO + spese di eventuale spedizione: forte sconto per acquisto di più fascicoli Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:27

    2 €

  • Quattroruote ottobre 1969

    Quattroruote ottobre 1969

    Fascicolo ottobre 1969 del mensile QUATTRORUOTE (ho altri doppioni) PREZZO RIBASSATO + spese di spedizione: sconto per acquisti multipli Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:27

    2 €

  • Cent. 5, del 1862 !

    Cent. 5, del 1862 !

    Pensate ha più di 150 anni ! 5 centesimi di rame del 1862 di Vittorio Emanuele II°, coniata a Napoli peso 5 grammi, diametro 25 mm ORA PREZZO ANCORA PIÙ BASSO ! + spese postali: sconti per più acquisti Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:26

    2 €

  • I° quattroruote del 1956

    I° quattroruote del 1956

    Vendo ristampa (l'originale é introvabile) del primo numero del mensile quattroruote (vendo anche altri miei doppioni) é di febbraio del 1956 ( di oltre 50 anni fa) ORA ANCOR PIÃ(TM) CONVENIENTE ! + spese di spedizione, forte sconto per acquisto di più fascicoli

    Potenza

    24 giugno, 10:26

    2 €

  • £ 2 del 1940

    £ 2 del 1940

    Vendo £ 2 "impero" del 1940, contorno rigato, peso 10 grammi PREZZO RIBASSATO + spese di spedizione: forti sconti se si acquistano anche altri miei doppioni Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:26

    1 €

  • Cent. 10 del 1940, 41, 42 e 43

    Cent. 10 del 1940, 41, 42 e 43

    Vendo 10 centesimi del 1940, 1941, 1942 e 1943 di V. Emanuele III° di rame e/oe bronzital ORA PREZZO ANCORA PIU' BASSO ! + spese di spedizione: sconti per acquisto di altre mie monete Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:26

    2 €

  • Cent 20 esagono

    Cent 20 esagono

    Vendo moneta di centesimi 20 "esagono" (di quasi 1 secolo fa) di Vittorio Emanuele III°, coniata a Roma, peso 4 grammi ORA ANCOR PIÙ CONVENIENTE ! + spese postali: sconti rilevanti per acquisto anche di altri miei doppioni Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:26

    1 €

  • £ 1 del 1940 e 1939

    £ 1 del 1940 e 1939

    Vendo monete da £ 1 "impero" del 1939 e 1940, contorno rigato ORA PREZZO RIBASSATO + spese di spedizione, con forti sconti in caso di acquisto anche di altri miei doppioni Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:25

    1 €

  • Cent. 5 del 1923-29-32-34 e 36

    Cent. 5 del 1923-29-32-34 e 36

    Vendo 5 centesimi "spiga" degli anni 1923, 1929,1932, 1934 e 1936 di Vittorio Emanuele III° PREZZO RIBASSATO ! appena 50 centesimi di euro ciascuna + spese postali: forti sconti per acquisto anche di altre monete Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:25

    50 €

  • £ 1 del 1923 - buono

    £ 1 del 1923 - buono

    Buono da £ 1 del 1923 (Italia seduta), contorno rigato, coniata a Roma da V. Emanuele III° in sostituzione dei biglietti di Stato PREZZO ORA ANCORA PIU' BASSO ! peso grammi 8, diametro 26,5 millimetri + spese postali: sconti per acquisti multipli Giovanni

    Potenza

    24 giugno, 10:25

    2 €

Link sponsorizzati
 

Ricerche Salvate

Per salvare o visualizzare le tue Ricerche devi accedere all'area I MIEI ANNUNCI.

Se non sei ancora registrato, puoi farlo ora - è facile e veloce:

Accedi Registrati

I Preferiti

Per salvare o visualizzare i tuoi Preferiti devi accedere all'area I MIEI ANNUNCI.

Se non sei ancora registrato, puoi farlo ora - è facile e veloce: