Esperimento di vettura dalle importanti dimensioni 'made in Usa' ma allo stesso tempo risparmiosa dal punto di vista dei consumi, la Chrysler Neon è rimasta in produzione per dieci anni, dal 1995 al 2005. La sua prima generazione è stata caratterizzata da una compattezza di struttura e dal fatto di poter montare di serie, su tutte le versioni, un cambio automatico a tre marce, oltre naturalmente al classico cambio manuale a cinque rapporti. Pensata per essere una vettura grande ma adatta anche a un pubblico giovane, la Chrysler Neon ha sfruttato fin da subito un'estetica di linee arrotondate e giocose alle quali si è sposata da subito una gamma di colori per la carrozzeria divertente e anticonformista, comprendente un verdone, un blu carico, un azzurro e un magenta. A partire dal restyling avvenuto nel 2000, la Chrysler Neon è stata prodotta solo nella versione berlina a quattro porte (mentre prima era disponibile pure una più compatta ma meno spaziosa due porte). Nonostante alcuni radicali cambiamenti estetici, soprattutto nelle forme della parte posteriore, la Chrysler Neon ha mantenuto la caratteristica di una buona tenuta di strada anche su fondo bagnato o con neve. I suoi interni sono rimasti sobri ma confortevoli, grazie al mix di rifiniture in velluto e plastiche.

Link sponsorizzati
Link sponsorizzati